Pubblicato da: thinkingbox | 27 febbraio 2010

Rivincita

E’ finita da poco la semifinale di hockey tra Canada e Slovacchia: il Canada ce l’ha fatta, anche se con qualche affanno nel finale. E’ una strana sensazione trovarsi a tifare vagamente Canada e non riesco a capire quanto tutto cio’ e’ determinato da una metamorfosi del sottoscritto e quanto dal fatto che l’Italia a queste olimpiadi fa veramente schifo. L’altro ieri ho assistito al trionfo del bob a 2 femminile, disciplina che non avrei mai considerato anni fa e invece, con mi immenso stupore, ero quasi emozionato! Povera Italia.

Il Canada invece e’ una potenza. In questo momento e’ la nazione che ha vinto piu’ medaglie d’oro, ma i Canadesi molto polite continuano imperterriti a fare le classifiche in base al numero di medaglie vinte, non alla loro qualita’. Quindi il Canada e’ terzo dietro a Stati Uniti e Germania.

Domenica c’e’ la gran finale, eterno duello tra Canada e Stati Uniti. E’ una situazione piuttosto buffa per via del continuo rapporto di amore e odio tra Canadesi e Americani. O meglio:

  • da una parte l’eterno complesso di inferiorita’ dei Canadesi, accompagnati da una certa sufficienza nei confronti dei vicini, sufficienza sicuramente alimentata da un rimasuglio di ampollosita’ britannica
  • gli Americani invece se ne fregano, per loro i Canadesi esistono poco, al limite vanno bene per farsi due risate e prenderli in giro sul loro dubbio impegno bellico

E’ un po’ come tra Ticino e Italia (non me ne vogliano male i cugini Svizzeri).

Poi alla fin fine Canadesi e Americani se la fanno a birra e salsicce, ma domenica bisognera’ vendicare la sconfitta dei giorni scorsi. Se il Canada vince sara’ l’apoteosi. Si sente nell’aria. Gia’ tutti salivano all’idea. Le aziende produttrici di birra avranno un incremento di fatturato del 5% solo per quella notte. Sara’ interessante.

Cio’ nonostante, continuo a ritenere l’hockey uno sport orrendo.

Chiudo con la ridicola polemica delle donne dell’hockey, beccate a festeggiare con sigari, birre e champagne. Pare che funzionari del comitato olimpico si siano lamentati in modo stizzito. Oggi l’equivalente canadese della FIGC per l’hockey ha rilasciato una dichiarazione ufficiale di scusa. Addirittura, una ragazza della squadra appena diciottenne ha osato bere dello champagne: orrore, il limite legale per bere alcolici in British Columbia sono i 19 anni!! Tutto cio’ e’ cosi’ tipicamente ipocrita e bacchettone… i miei occhi italiani ridono divertiti.

Annunci

Responses

  1. […] mio disgusto per l’hockey non e’ una novita’. L’hockey sta ai Canadesi tanto quanto il calcio sta agli Italiani. O forse di piu’, […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: