Pubblicato da: thinkingbox | 3 dicembre 2011

Buon Natale, magazzini Potter!

Ogni anno, come si conviene, sotto Natale arriva La vita e’ una cosa meravigliosa, di Frank Capra, con James Stewart, Donna Reed e Lionel Barrymore, prozio di Drew, nel ruolo del perfido Potter. Assieme a Il canto di Natale di Dickens, fa parte della tradizione nordamericana del Natale. Ovviamente, la mia versione preferita e’ Scrooged, con Bill Murray, trasmesso a ciclo continuo per ore e ore di fila da AMC giusto qualche giorno fa. Invece oggi e’ proprio il turno del film di Capra, in onda mentre vi scrivo queste parole.

Ieri sera invece il sommo talento di Andrea Bocelli ha occupato gli schermi della PBS, canale pubblico americano, grazie al suo concerto di settembre al Central Park di New York. Quando ha duettato con Celine Dion avevo i brividi. Causati dal vomito, intendo. S. dice che sono uno snob acido e perfido. Sara’, ma posso spiegare dottamente perche’ Bocelli e’ disgustoso. Ma mi ci vorrebbe un fiume di parole e francamente preferisco occuparmi d’altro. Non e’ evidente? Non e’ nemmeno vero che io sia un esterofilo che non sa apprezzare la musica italiana. Dopotutto i mai abbastanza compianti CSI sono uno dei miei gruppi preferiti e poco male se non hanno molto a che spartire con la tradizione melodica sanremese e se Lindo si e’ purtroppo completamente rincitrullito in tempi recenti.

Ore 21:41, dormono tutti, siamo svegli solo io e James Stewart. Sono seduto per terra, con la schiena appoggiata al divano. M. mi russa nelle orecchie, S. dorme seduta al centro con in grembo le gambe intrecciate di entrambi  i bimbi e A. e’ abbracciato al cuscino dalla parte opposta.

Settimana scorsa il gruppo scout di A. ha avuto un’uscita al Museo degli Aerei da Guerra di Hamilton. Siamo partiti venerdi’ dal parcheggio della scuola poco prima delle 6 di pomeriggio, sosta da Tim Horton per caffe’ e donut e poi ci siamo avviati verso Hamilton, a 60 Km da qui. Io avevo in macchina due altri bambini oltre ad A. Morale: un casino pazzesco, mi hanno assordato mentre guidavo in coda. Io ho cercato di rifarmi con la radio ma a un certo punto A. mi ha chiesto se potevo spegnere.

Il posto comunque e’ notevole e l’esperienza e’ stata quantomeno significativa. Non e’ da tutti passare la notte in un sacco a pelo sotto le ali di un bombardiere B-25 con una pinup disegnata sulla fusoliera. A. ha letteralmente dormito sotto una bomba, montata nella pancia dell’aereo. La notte e’ stata una schifezza, dormito poco e male, ma ne e’ valsa la pena. Uno dei compagni di A. e’ pure stato male e qualche schizzo di vomito e’ giunto pure sul materassino di A. (che ovviamente ho ripiegato io nel mattino => ma gli scout non dovrebbero arrangiarsi da soli?)

NA B25-j Mitchell by Alive in Calgary. Some rights reserved.

NA B25-j Mitchell by Alive in Calgary. Some rights reserved.

Mercoledi’ invece ho avuto una giornata campale, iniziata con un paio d’ore al Consolato Italiano di Toronto: armato di certificato medico dovevo farmi fare una carta per il rinnovo della patente italiana. Arrivo al consolato alle 10:30, ho il numero 17, stanno servendo il 7 e io come al solito, da perfetto ingenuo con la memoria corta, penso: “Oh bene, tra poco tocca a me”. Dopo 1 ora siamo al 13, una lentezza inconcepibile. La sala d’attesa ha un gusto tipicamente italico: belloccia ma trasandata, di una bellezza vecchia e ormai sfatta, tra squallido e decadente. Troneggia un maxischermo LCD con i colori a remengo, che trasmette immagini di plastica in stile agenzia turistica. A un certo punto penso mostri una strada tortuosa lungo la costiera amalfitana, ripresa da un elicottero, e mi godo un bel sorpasso in curva con doppia striscia continua. That’s Italy.

[James Stewart in questo momento ha il faccione lungo allucinato. Nessuno lo riconosce, tutto e’ storto, ormai Clarence ha vita facile a convincerlo che la sua vita vale qualcosa. Donna Reed fa la zitella con gli occhiali.]

Poco dopo mezzogiorno arriva il mio turno. L’impiegata e’ gentile e ci prova, ma come lei stessa ammette non e’ usa alla pratica, ormai di rinnovi di patente non ne fanno piu’. Saranno almeno 30 anni che il flusso migratorio dall’Italia si e’ praticamente prosciugato. Per cui la cosa va per le lunghe. Alla fine riesco a uscirne, vado al lavoro. Verso le 4 mi chiama S.: la macchina si e’ rotta, non parte piu’. Bisogna farla trainare dal meccanico. Per fortuna la mia carta di credito mi da’ diritto a un servizio di questo tipo, gratuito. Li chiamo per avvisarli, non c’e’ problema, prendono tutti i dati, hanno solo bisogno che mi faccia trovare alla macchina. Dico loro che li richiamo da casa poco dopo le 6.

Sono quasi le 5 e una mezza emergenza coinvolge tutti in ufficio: c’e’ da finire una demo per il giorno dopo, per cui faccio la mia parte. Perdo un treno. Ne perdo un altro. Sto per perdere il terzo, quando la demo viene rimandata di 24 ore. Ho poco piu’ di 15 minuti per arrivare in stazione, per evitare di essere obbligato a fermarmi downtown per un’ora e venti di piu’. Schizzo via come una palla di cannone. Corro, letteralmente, sotto la pioggia. Niente tram, ma almeno il metro’ arriva subito e salgo sul treno appena in tempo. Sono esausto.

Arrivo a casa, richiamo il servizio di soccorso stradale, mi dicono che il carro attrezzi arriva in meno di mezz’ora, per cui sempre sotto l’acqua vado a piedi alla macchina. Entro in macchina, fa freddino e me ne sto al buio. Purtroppo il carro attrezzi arriva in realta’ dopo un’ora. Gli spiego dove deve portare la macchina e torno a casa, sempre sotto la pioggia, carico di ombrello aggiuntivo, seggiolino per M. e gli omini Lego che A. si e’ raccomandato di prendere. Arrivo a casa stravolto e intirizzito. A. vuole ovviamente sapere solo dei suoi omini.

E’ una questione di qualita’.

PS: ma quanto attuale e’ Tutti giu’ per terra? Sembra che piu’ passano gli anni, piu’ abbia senso. Gran bel libro, gran film, fantastica colonna sonora.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: